[art game] Jason Nelson. I videogiochi come poesie digitali

 

 

A cura di Mario Savini


Jason Nelson

 

ART GAME - Gli art games di Jason Nelson - Net Art/Digital Poetry Games - sembrano animazioni di collage dadaisti, rimandi alle opere di Kurt Schwitters, Hannah Höch o Raoul Hausmann. Le composizioni raccolgono materiali di ogni tipo, sviluppando percorsi che si snodano tra versi poetici, annotazioni disegnate a mano, documenti storici, immagini ritagliate dalla Rete. Le figure e le scritte sono accostate liberamente, senza una coerenza formale come se tutto fosse basato sulla casualità. Gli spazi di queste “poesie digitali” brulicano di bizzarre invenzioni che si accompagnano a strani rumori o a voci filtrate da un software speech-to-text. Le architetture semplici ed incomplete disorientano l’utente di fronte ai pericoli.


 
 
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31